Passaggi di grado

KAN – Passaggi di grado

Come abbiamo già detto in precedenza la Muay Thai nasce per un’esigenza, quella di proteggere il popolo Thailandese dalle aggressioni nemiche. Per questo motivo si può supporre che gli allenamenti in passato erano molto duri, e le tecniche trasmesse erano quelle che potevano migliorare le doti naturali di combattimento dell’atleta e renderlo invincibile, forse trascurando le tecniche dall’esecuzione più complessa. Possiamo pensare che per questo motivo non vi erano in Thailandia gradi o cinture che identificavano la conoscenza delle tecniche di combattimento come nelle altre arti marziali. Questa filosofia d’insegnamento con il passare dei secoli ci ha reso testimoni della nascita di formidabili e micidiali combattenti e delle loro leggende, ma ci ha anche privato di molte tecniche che purtroppo sono andate perdute con il passare del tempo.

Con l’avvento degli occidentali e la diffusione in occidente della Muay Thai si è riscontrata l’esigenza di regolamentare la Thai per offrire una conoscenza più ampia e per assicurare che le tecniche rimaste non siano smarrite nel tempo. Per fare questo vent’anni fa circa le tecniche della Thai furono divise in dodici gradi che prendono il nome di KAN. In Italia questi gradi hanno programmi ben precisi regolamentati che permettono una conoscenza delle tecniche molto approfondita e ampia andando a toccare tutti campi di combattimento (gomiti, ginocchia, calci, lotta, pugni).

Una volta decisi, i kan furono posti a una scrupolosa analisi dei maestri thai più bravi dell’epoca i quali presero una decisione che comportò un cambiamento dei kan che divennero quindici. Furono scelti i cinque maestri più bravi e insigniti del mongkon dorato (XV kan), i quali scelsero a loro volta venti maestri thai che vennero insigniti con il mongkon d’argento (XIV kan). Mentre per tutti gli altri kan basta sostenere un esame, per gli ultimi due non esistono esami ma si ottengono per anzianità. Mentre il XIII kan si ottiene quando il tuo maestro ti ritiene pronto per divulgare i sui insegnamenti e ti dona il mongkon.

Per distinguere i vari kan fra loro sono stati introdotti i prajied e i mongkon di diverse colorazioni. Possiamo quindi sostenere la tesi che in realtà i kan siano dodici, e non quindici perché per gli ultimi kan non ci sono esami possibili da sostenere, ma non possiamo neanche negarne l’esistenza.

 I KAN prajied bianco

II KAN prajied giallo

III KAN prajied giallo e bianco

IV KAN prajied verde

V KAN prajied verde e bianco

VI KAN prajied blu

VII KAN prajied blu e bianco

VIII KAN prajied marrone

IX KAN prajied marrone e bianco

X KAN mongkon rosso (istruttore)